La Mentalità di un Seduttore Vincente

La mentalità è una cosa essenziale per sedurre.
La mentalità traspare dai nostri comportamenti, dalle nostre parole, dai nostri gesti.
Noi siamo dei libri aperti.

La Mentalità di un Seduttore Vincente

Per questo è giusto assumete una giusta mentalità nei confronti di una donna che vogliamo sedurre: così possiamo avere i giusti comportamenti per sedurla.

La mentalità, è una cosa soggettiva e ognuno ha la sua, così come ognuno ha il suo stile seduttivo.
Ecco perchè ti esorto a cercare la tua visione della realtà migliore, quella che ti esprime meglio.

Ma inglobare una nuova mentalità può essere difficile se non si sa come farlo, non basta dire “ehi cervello, adesso assimila questa credenza”.

Come Assumere la Mentalità di un Seduttore Vincente

1) Prima di tutto dobbiamo concepire il pensiero che vogliamo inglobare.

Questi pensieri possono essere i più vari e come detto prima dipendono da te.
Ti faccio alcuni esempi da cui puoi prendere spunto ed elaborare qualcosa di tuo o se ti ci ritrovi puoi prendere anche l’esempio senza modificarlo (alcuni sono generali, altri si riferiscono ad una donna che abbiamo di fronte).

  • “Tu mi piaci, ma io a te, piaccio molto di più”
  • “Ok, sei bella, ma sei anche interessante?”
  • “Faccio impazzire le donne”
  • “Le donne vogliono fare ardentemente sesso con me”
  • “Fa la difficile, ma in realtà è cotta persa”
  • “Mi vuole trombare a morte”
  • “Vediamo se sai destare il mio interesse”

Come puoi vedere si tratta di vari pensieri che sottointendono, tutti, che piacciamo.

2) Il passo successivo è quello di inglobare questi pensieri.

Come si fa?

Con delle esperienze di riferimento.
Cioè, dobbiamo avere delle esperienze che ci dimostrano quello che abbiamo pensato.

Questo tipo di pensieri è relativamente semplice da inglobare, basta che notiamo di attrarre alcune donne e le basi saranno già gettate. Dopo diversi casi, ne saremo fermamente convinti.

ATTENZIONE: non bisogna ricercare le esperienze di riferimento, solamente notarle.

Se le cercassimo, in realtà saremmo alla ricerca di validazione e questo è completamente controproduttivo.

Per cui le esperienze di riferimento vanno solo notate.

Questo che vi ho appena spiegato è il modo in cui si sviluppano naturalmente dei determinati pensieri.
Per esempio quando una persona crede che tutti ce l’hanno con lui è perchè ha concepito questo pensiero che è stato poi confermato dalle esperienze di riferimento.

Per oggi direi che non c’è altro.

Mauro

Comments

  1. Ottimo post. Ho però un problema che proprio non riesco a risolvere: quando le mie amiche mipresentano le loro amiche, tutto funziona bene e riesco a creare un ottimo gioco. Quando vado io a conoscere delle ragazze, tutto va male. Le ragazze a volte mi ignorano, altre volte mi parlano con untono compassionevole. Dove sto sbagliando?

  2. Grazie mike.La cosa potrebbe essere più complessa di quello che sembra…ma sono abbastanza convinto che si tratti di un semplice problema di inner game.Credo che tu abbia difficoltà ad uscire dalla tua zona di comfort, questo ti fa sentire a disagio e la cosa traspare.Il consiglio è quello di sforzarti di approcciare sconosciute, ma fallo per gioco, divertiti e non prendere la cosa sul serio.